La famiglia di Maria e Rosario era arrivata da un piccolo paese della provincia di Cosenza.

Erano due gran lavoratori e mio padre che aiutava sempre tutti, li prese subito in simpatia e offrì loro lavoro in campagna. Spesso da bambina andavo ad aiutare nei campi papà, specialmente quando le scuole erano finite. Mi ritrovano in mezzo a quei filari di fagioli o piselli a cogliere i frutti del lavoro della terra. Non ricordo un giorno senza Maria. Ricordo ancora il sole che si faceva strada tra quelle foglie appiccicose dei fagioli e che quando potevo, per giocare e divertirmi mi attaccavo sui vestiti o sui vestiti di altri a mo’ di pesce d’aprile. Papà adorava Maria, la chiamava la sposa bambina perchè sembrava e sembra ancora una bambina. I modi cortesi, la correttezza, la gentilezza, l’entusiasmo e quel sorriso sempre sempre acceso.

Lei e Rosario si erano stabiliti nel mio paese, Alzano Scrivia e da lì avevano iniziato una nuova vita. Mille sacrifici ma sempre con tanta volontà, tenacia e mai una parola fuori posto. Maria è una persona solare, gioiosa che spesso ti attacca la sua gioia. E con mio papà quanto parlare e ridere in mezzo a quei filari, oppure a incestare i fagioli o in ginocchio a raccogliere le patate.
Dopo anni di duro lavoro si erano costruiti la loro piccola e incantevole casetta che io adoro, costruita per lo più da Rosario e Maria.

Rosario era più taciturno, una persona solitaria. Ma quando sorrideva gli si illuminavano gli occhi. Papà lo considerava un gran lavoratore e spesso si faceva aiutare da lui nei lavori più pesanti. Era un uomo forte, riservato ma con tanta passione per il lavoro, instancabile e soprattutto rispettoso. Credo che nella sua vita ne abbia passate tante ma non l’ho mai visto né arrabbiato né triste. Una persona riconoscente, una persona d’altri tempi. Si faceva i fatti suoi ma quando c’era bisogno papà chiamava e lui arrivava subito. Rosario sapeva fare tutto. Se c’era un lavoro che se non sapeva fare se lo imparava subito.

Io poi che andavo sempre a casa di Maria per la passione per i fiori che ci accomunava, lo vedevo spesso. Ed era proprio in quelle occasioni che potevo vedere da vicino quegli occhi sorridenti e quel sorriso sincero e buono.

La notizia della scomparsa di Rosario mi ha molto rattristato perchè è stata una persona che ha fatto parte della mia vita, della mia famiglia e anche se forse non sono state tante le parole che ci siamo scambiate le belle persone io non le dimentico più.

Arrivederci Rosario.

Angela Megassini

#angelamegassini

@angelamegassini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.